STORIA PARALIMPIADI: ATLANTA 1996

La storia paralimpiadi di Atlanta 1996 è diversa dalle edizioni precedenti. Infatti per la prima volta i giochi paralimpici vengono promossi e propagandati come un’opportunità di marketing piuttosto che un modo di fare della beneficenza.

atlanta

STORIA PARALIMPIADI: ATLANTA, UN IMPORTANTE CENTRO D’AFFARI

Atlanta fu costruita nel XIX secolo e divenne famosa durante la guerra di secessione, quando fu completamente incendiata. Ricordate il famoso film Via col Vento?

Ma nel 1996 Atlanta è il centro del mondo. L’ Hartsfield-Jackson Atlanta International Airport è l’aeroporto più trafficato con quasi 90 milioni di passeggeri l’anno, circa 240.00 al giorno e oltre 900.000 voli. La sua economia è tra le più importanti a livello mondiale. Tra le aziende multinazionali che hanno sede nella capitale della Georgia ricordiamo la Coca Cola, la AT&T, la compagnia aera Delta, l’azienda leader nei trasporti Ups, la CNN emolte altre ancora…

storia paralimpiadi

STORIA PARALIMPIADI: I GIOCHI DI ATLANTA 1996

I giochi paralimpici di Atlanta 1996 sono i primi ad attrarre gli investimenti da parte di grandi multinazionali, anche se ancora la potenzialità che lo sport paralimpico può esprimere non viene colta in pieno dal mondo industriale e finanziario.

Il pubblico, rispetto alle paralimpiadi di Barcellona del 1992, diminuisce. Le ragioni sono principalmente due: per la prima volta i biglietti per assistere alle gare vengono messi in vendita e i media americani poi non danno la copertura che un evento del genere avrebbe meritato. Comunque alla fine saranno circa 400.000 gli spettatori che saranno sugli spalti per vedere i giochi dal vivo.

Per far funzionare tutta la macchina organizzativa ci si avvale dell’apporto di 12.000 volontari. Le delegazioni contano complessivamente 4.500 persone. Oltre 2.000 sono i media accreditati. 100 i fotografi da tutto il mondo.

Gli atleti, quasi 2400 uomini e 800 donne, provengono da ben 104 paesi. 17 gli eventi sportivi con medaglia e due dimostrativi, la vela e il rugby in carrozzina.  Alle paralimpiadi di Atlanta fanno il loro debutto gli atleti con disabilità intellettiva. Parteciperanno alle gare di nuoto ed atletica.

Le paralimpiadi si aprono il 16 agosto e si chiudono il 25 dello stesso mese. Nel medagliere ancora una volta primeggiano gli Stati Uniti, seguiti da Australia e Germania. Vengono infranti 269 record mondiali. Per l’Italia si confermano Luca Pancalli, Alvise De Vidi e Paola Fantato.

storia paralimpiadi

STORIA PARALIMPIADI: ATLANTA 1996, ATLETI DA RICORDARE

STORIA PARALIMPIADI: ATLANTA 1996, LE MEDAGLIE ITALIANE

storia paralimpiadi

Oro

  •  Paola Fantato, Roberta Lazzaroni, Sandra Truccolo, Tiro con l’arco a squadre
  • Aldo Manganaro, 100mt classe T12
  • Maurizio Nalin, pentathlon classe P53-57
  • Alvise De Vidi, 400mt classe T50
  • Alvise De Vidi, 800mt classe T50
  • Giancarlo Galli, Paolo Botti, 200mt sprint tandem
  • Claudio Costa, Patrizia Spadaccini, tandem open
  • Claudio Costa, Patrizia Spadaccini, kilo tandem open
  • Luca Pancalli, 50mt dorso classe S4
  • Luca Pancalli, 50mt farfalla classe S4
  • Mariella Bertini, spada individuale classe B

Argento

  • Giuseppe Gabelli, Marco Mai, Luciano Malovini, tiro con l’arco a squadre W1/W2
  • Sandra Truccolo, tiro con l’arco classe W2
  • Carlo Durante, maratona classe T10
  • Aldo Manganaro, 200mt classe T12
  • Maurizio Nalin, disco classe F56
  • Alvise De Vidi, 1500mt classe T50
  • Giancarlo Galli, Pasquale Campedelli, 100/120 K tandem open
  • Damiano Zanotti, Manuela Agnese, 200mt sprint tandem open
  • Luca Pancalli, 100mt stile libero classe S4
  • Luca Pancalli, 200mt stile libero classe S4
  • Luca Pancalli, 50mt stile libero classe S4
  • Marina Tozzini, 400mt stile libero classe S9
  • Mariella Bertini, Laura Presutto, Rosalba Vettraino, fioretto a squadre
  • Soriano Ceccanti, spada individuale classe B
  • Soriano Ceccanti, Ernesto Lerre, Gerardo Mari, Alberto Pellegrini, spada a squadre
  • Gerardo Mari, sciabola individuale classe B
  • Alberto Pellegrini, spada individuale classe A
  • Alberto Pellegrini, fioretto individuale classe A
  • Rosalba Vettraino, spada individuale classe B
  • Santo Mangano, fucile ad aria in piedi classe SH2

Bronzo

  • Paola Fantato, tiro con l’arco classe W2
  • Maria Logorio, 200mt classe T10
  • Maria Lagorio, 400mt classe T10
  • Aldo Manganaro, 400mt classe T12
  • Samanta Meneghelli, 3.000mt classe T10-11
  • Maurizio Nalin, getto del peso classe F56
  • Paolo Botti, Giancarlo Galli, kilo tandem open
  • Santo Mangano, fucile ad aria 3×40 classe SH2
  • Santo Mangano fucile ad aria prono classe SH2
  • Antonio Martella, pistola ad aria classe SH1
  • Oscar De Pellegrin match inglese classe SH1
  • Marina Tozzini, 100mt farfalla classe S9
  • Maria Nardelli, tennistavolo singolo classe 5
  • Giuseppe Alfieri, Soriano Ceccanti, Alberto Pellegrini, Alberto Serafini, fioretto a squadre